The Economist

The Economist su Wikipedia

The Economist è un settimanale con articoli di informazione da tutto il mondo edito a Londra da The Economist Newspaper Limited. La prima pubblicazione risale al 1843, e fu fondato allo scopo di sostenere la causa del liberismo.

Gli argomenti riguardano in genere le più importanti notizie di cronaca, economia, politica, affari e finanza.

The Economist è apertamente a favore di una linea politica conservatrice in materia fiscale.

La rivista esce ogni giovedì stampata, come tutti i periodici, su carta lucida, ed è distribuita nel resto del mondo il venerdì. È disponibile una edizione on-line sul sito Internet, aggiornata il giovedì sera.

Nel numero del 5 marzo, 2005 è stata pubblicata la notizia che, nel periodo di luglio-dicembre 2004, è stato superato il milione di copie settimanali.

The Economist è di proprietà del The Economist Group società che pubblica anche le testate d'alta finanza della serie CFO, i giornali European Voice e Roll Call (noto come il "quotidiano di Capitol Hill"), e cura anche la pubblicazione di The Economist Intelligence Unit (EIU), una guida alla comprensione degli affari a livello mondiale, con analisi e previsioni sugli orientamenti politici, economici e di mercato di circa duecento nazioni, ed alla cui realizzazione collaborano alcune centinaia di esperti.[1] L'EIU ha anche stilato nel 1988 una classifica degli Stati in cui è meglio nascere, realizzata poi nuovamente nel 2013.